Benessere

Lo sapevi che…

Sentirsi amati, ottimisti o felici da adolescenti può portare a una salute migliore in età adulta

Il modo in cui gli adolescenti si sentono riguardo alla propria vita può influire sul rischio di salute cardiometabolica da adulti, secondo un nuovo studio del Journal of the American Heart Association

Punti salienti della ricerca:

  • Gli adolescenti che hanno riferito di provare ottimismo, felicità, autostima, appartenenza e amore avevano maggiori probabilità di raggiungere i 20 e i 30 anni in buona salute cardiometabolica rispetto agli adolescenti con meno di queste risorse psicologiche positive.
  • L’associazione era particolarmente forte tra i giovani neri.
  • Promuovere risorse psicologiche positive negli adolescenti può aiutare a prevenire le malattie cardiometaboliche in età adulta e può anche svolgere un ruolo nell’affrontare le disuguaglianze di salute.

DALLAS, 11 gennaio 2023 — Gli adolescenti che hanno riferito di provare ottimismo, felicità, autostima, appartenenza e sentirsi amati e desiderati avevano maggiori probabilità di raggiungere i 20 e i 30 anni in buona salute cardiometabolica rispetto agli adolescenti con meno di queste risorse positive per la salute mentale , secondo una nuova ricerca pubblicata oggi sul Journal of the American Heart Association , una rivista peer-reviewed ad accesso aperto dell’American Heart Association.

Precedenti studi hanno scoperto che gli aspetti psicologici del benessere mentale, come l’ottimismo e la felicità, possono essere importanti fattori modificabili legati a una migliore salute cardiometabolica nel tempo. Mentre la maggior parte di questa ricerca è stata condotta tra gli anziani, questo studio si è concentrato prima nella vita e ha considerato una misura più ampia della salute cardiometabolica, che includeva anche indicatori dei livelli di zucchero nel sangue e dell’infiammazione.

“Negli ultimi decenni abbiamo imparato molto sull’impatto della discriminazione e di altri rischi sociali che i giovani di colore affrontano che possono spiegare i loro elevati tassi di malattie cardiometaboliche, tuttavia, viene prestata molta meno attenzione ai punti di forza intrinseci che possiedono e ai modi in cui questi i punti di forza possono essere sfruttati per promuovere l’equità sanitaria “, ha affermato l’autore principale dello studio Farah Qureshi, Sc.D., MHS, assistente professore presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora. “In questo studio, abbiamo voluto spostare il paradigma della salute pubblica oltre la tradizionale attenzione ai deficit a uno che si concentri sulla costruzione di risorse”.

I ricercatori hanno esaminato i dati del National Longitudinal Study of Adolescent Health, che ha arruolato quasi 3.500 liceali statunitensi (età media 16 anni) nel 1994 e sono stati seguiti per più di due decenni. Quasi la metà erano ragazze, il 67% erano giovani bianchi, il 15% erano adolescenti neri, l’11% erano adolescenti latini e il 6% dichiarava la propria razza come nativa americana, asiatica o “altra”. I ricercatori hanno raccolto periodicamente dati sulla salute e il benessere dei partecipanti, con l’ultima ondata di raccolta dati avvenuta nel 2018, quando la loro età media era di 38 anni.

Utilizzando le risposte iniziali del sondaggio di quando i partecipanti erano adolescenti, i ricercatori hanno identificato cinque risorse per la salute mentale correlate a migliori risultati di salute cardiometabolica: ottimismo, felicità, autostima, senso di appartenenza e sentirsi amati. Queste informazioni sono state confrontate con i dati sulla salute registrati nell’arco di 3 decenni per valutare se gli adolescenti che avevano più di queste risorse positive avevano maggiori probabilità di mantenere una salute cardiometabolica ottimale nell’età adulta.

Per esaminare la salute cardiometabolica in questo studio, i ricercatori hanno esaminato le misure sanitarie per sette fattori di rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche raccolti durante le visite cliniche quando i partecipanti avevano tra i 20 ei 30 anni. I fattori includevano lipoproteine ??ad alta densità (HDL), o colesterolo “buono”; colesterolo non HDL – calcolato come colesterolo totale meno colesterolo HDL; pressione arteriosa sistolica (numero superiore); pressione arteriosa diastolica (numero inferiore); emoglobina A1c, una misura della glicemia; Proteina C-reattiva, una misura dell’infiammazione; e indice di massa corporea, o BMI, il rapporto tra altezza e peso per stimare il grasso corporeo.

L’analisi ha rilevato:

  • Complessivamente, il 55% dei giovani aveva da zero a un bene di salute mentale positivo, mentre il 29% aveva da due a tre beni e il 16% aveva da quattro a cinque beni.
  •  Da giovani adulti, solo il 12% dei partecipanti ha mantenuto la salute cardiometabolica nel tempo e i giovani bianchi avevano maggiori probabilità di mantenere una buona salute più avanti nella vita rispetto ai giovani neri o latini.
  • Gli adolescenti con quattro o cinque risorse positive per la salute mentale avevano il 69% di probabilità in più di mantenere una salute cardiometabolica positiva da giovani adulti.
  •  C’era anche un effetto cumulativo, con ogni ulteriore risorsa per la salute mentale che conferiva una probabilità maggiore del 12% di salute cardiometabolica positiva.
  •  Sebbene le risorse psicologiche siano risultate protettive in tutti i gruppi razziali ed etnici, i maggiori benefici per la salute sono stati notati tra i giovani neri. Gli adolescenti neri hanno anche riferito di avere risorse per la salute mentale più positive rispetto ai giovani di qualsiasi altro gruppo razziale o etnico.

Nonostante gli adolescenti neri avessero il maggior numero di risorse e ne traessero i maggiori benefici per la salute, le disparità razziali nella salute cardiometabolica erano ancora evidenti nell’età adulta. Gli individui neri avevano meno probabilità di mantenere una buona salute cardiometabolica nel tempo.

“Questi risultati in qualche modo controintuitivi sono stati sorprendenti”, ha detto Qureshi. “Quando abbiamo scavato più a fondo, abbiamo scoperto che l’assenza di risorse psicologiche era particolarmente dannosa per la salute dei giovani neri”. Ha inoltre spiegato che i risultati indicano il ruolo svolto dal razzismo strutturale nel plasmare i modelli di salute cardiometabolica nei primi decenni di vita: le risorse fanno una grande differenza.”

“Questo lavoro suggerisce che i primi investimenti nella salute mentale dei giovani possono essere una nuova frontiera fondamentale nel progresso dell’equità della salute cardiometabolica”, secondo Qureshi.

“Abbiamo bisogno di più studi su larga scala per monitorare questi e altri fattori positivi di salute mentale a partire dall’infanzia per capire come queste risorse possono influenzare la salute e la malattia nel corso della vita. Queste informazioni possono aiutarci a identificare nuovi modi per migliorare la salute e ridurre le disparità”, ha affermato.

I limiti dello studio includono che c’erano relativamente pochi partecipanti che erano latini, asiatici o nativi americani e c’erano variazioni nei metodi di raccolta dei campioni di sangue nel tempo.

Gli operatori sanitari misurano la salute cardiovascolare con lo strumento Life’s Essential 8 dell’American Heart Association , che misura 4 indicatori relativi allo stato di salute cardiovascolare e metabolica (pressione sanguigna, colesterolo, glicemia e indice di massa corporea); e 4 fattori comportamentali/stile di vita (fumo, attività fisica, sonno e dieta). Secondo i dati di Life’s Essential 8:

  • solo il 45% degli adolescenti statunitensi ha cinque o più indicatori di salute cardiovascolare ideale e la percentuale diminuisce nell’età adulta; e
  • ci sono differenze persistenti nei livelli di salute cardiovascolare per razza ed etnia auto-riportate, e queste disparità sono maggiori in età più giovane.

I coautori sono Anne-Josee Guimond, Ph.D.; Elaine Tsao, MPH; Scott Delaney, ScD; Julia K. Boehm, Ph.D.; e Laura D. Kubzansky, Ph.D. Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.

Il National Institutes of Health (NIH) ha finanziato questa ricerca.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: