Vivo col Diabete

Notte magica

ipo

La notte scorsa l’ho passata completamente in bianco, per quale motivo? A seguito di una iperglicemia con valore 436 mg/dl.

L’impennata della glicemia trae origine dal pomeriggio precedente quando ho avuto una improvvisa crisi ipoglicemica dopo pranzo, con 35 mg/dl. Ma è tutto l’insieme di questa situazione che ha degli aspetti strani. Dal punto di vista del palinsesto giornaliero dell’alimentazione e del dosaggio dell’insulina era tutto normale. La giornata di domenica l’ho passata in panciolle, senza ritmi particolari; poi per l’appunto mi è arrivata inattesa questa ipoglicemia. Al principio mi ero spaventato perché una scansione del genere erano decenni che non capitava: una sudorazione enorme accompagnata da un intensa, forte tachicardia tale sul momento da sembrare un infarto; poi invece mi sono accorto che si trattava di una ipoglicemia e mi sono avventato su un gelato, la prima cosa dolce che mi passava per le mani, per cercare di non perdere l’autocontrollo, ma non è bastato, ho dovuto prendere un poco di zucchero con dell’acqua. Dopo qualche scatto neuromuscolare mi sono addormentato per un paio d’ore.

E fino a prima di andare a letto i valori della glicemia erano “normali”, pari a 144 mg/dl; poi quando sono andato a cercare di dormire non c’è stato nulla da fare, a quel punto ho controllato la glicemia: era 436 mg/dl e in quella condizione ho fatto cinque unità di insulina (novorapid). Al mattino la glicemia era scesa a 283 mg/dl ed ho eseguito altre sette unità di novorapid con una colazione normale (latte e quattro fette biscottate). Che dire? In situazione come questa si resta veramente senza alcuna spiegazione plausibile; intanto l’impegno più importante è cercare di recuperare una notte mancata di sonno.