testimonianze

Come ho superato una depressione profonda

Con il CGM che ha cambiato la mia gestione del diabete

Mi è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 (T1D) nel 2014 quando avevo 23 anni. Come la metà di tutte le persone con T1D, mi è stato diagnosticato da adulto e c’è stata una curva di apprendimento mentre mi adattavo a questo nuovo modo di vivere.

Gestire con successo il mio diabete può sembrare un lavoro a tempo pieno, ma le risorse, gli strumenti e la guida giusti mi aiutano a tenere sotto controllo i miei valori di zucchero nel sangue.  Ottenere un monitor continuo del glucosio (CGM) è stata una delle migliori decisioni per la mia gestione del diabete.

Imparare a convivere con il diabete

Imparare a monitorare i livelli di zucchero nel sangue è fondamentale per la gestione del diabete. Per la mia gestione del diabete, calcoli e decisioni piccoli ma significativi come il conteggio dei carboidrati, l’insulina pre-bolo, un elenco di cibi da evitare e il sanguinamento diviso per la pizza (estremamente importante!) Sono diventati parte della mia vita quotidiana.

In quel momento della mia vita, le mie giornate erano lunghe e piene di impegni. Dopo la mia diagnosi, mi ritrovavo spesso a partecipare a riunioni di lavoro con l’ipoglicemia perché calcolavo male il mio bolo. Aspettavo fino alla fine della riunione prima di tornare di corsa a controllare il mio livello di zucchero nel sangue e correggere un minimo perché… tutto perché non volevo disturbare una riunione. Non è che i miei colleghi non fossero di supporto, semplicemente non volevo essere la persona che ha bloccato un’intera riunione.

Lo dico perché tutti noi ci prendiamo il nostro tempo per imparare a convivere con il diabete e spesso condividere la nostra diagnosi con gli altri richiede tempo. Questo valeva anche per la mia vita personale; Spesso annullavo i piani o lasciavo le cene in anticipo se i miei livelli di glucosio nel sangue si stavano comportando male.

Le letture della glicemia sono diventate parte della mia routine

Nei primi giorni di convivenza con T1D, le attività più minori e banali hanno iniziato ad attirare la mia attenzione a causa del modo in cui hanno influito sui miei livelli di glucosio nel sangue. Ho dovuto imparare rapidamente ad essere preparato a gestire alti e bassi.

Ho iniziato a controllare la glicemia prima, durante e dopo essere stato attivo per capire come gli esercizi influiscono in modo diverso sulla mia glicemia. Ho anche imparato ad adattare la mia gestione della glicemia al mio ciclo mestruale. Aumento la mia insulina basale alla fine del ciclo e controllo la glicemia molto più frequentemente all’inizio del ciclo, quando la glicemia spesso crolla.

L’elenco sarà diverso per persone diverse, ma l’unica cosa in comune: la gestione del diabete richiede uno sforzo consapevole da parte tua; Non c’è fuga.

Il diabete è chiamato una “malattia invisibile”. Se non mi vedessi farmi iniezioni di insulina o controllare la glicemia, come diresti che sono una persona che vive con il diabete? Ecco perché, cinque anni dopo la mia diagnosi, ho cautamente accettato quando il mio endocrinologo ha insistito perché provassi il monitoraggio continuo del glucosio.

L’uso di un CGM ha comportato una curva di apprendimento

All’inizio ero scettico riguardo al CGM. Immagino di non essere ancora pronto a condividere apertamente la mia diagnosi. Ma avevo letto su come potrebbe aiutarmi a gestire il mio diabete e i pro hanno superato i contro.

Proprio come tutto prima, imparare a convivere con il CGM è arrivato con una curva di apprendimento. A quel punto avevo imparato le basi dell’automonitoraggio e sapevo che il CGM sarebbe stato uno strumento per aiutarmi a gestire meglio il mio diabete.

Dopo essermi abituato al mio nuovo dispositivo per il diabete, mi sono reso conto che indossare un CGM sarebbe stato un punto di svolta per la mia gestione del diabete.

Ecco quattro motivi per cui amo il mio CGM:

1. Grafici giornalieri della glicemia

Il diabete è diverso per tutti. Cibi, situazioni e attività diverse hanno un impatto diverso sui livelli delle persone. Essere in grado di vedere i tuoi livelli di zucchero per un periodo di 24 ore ti aiuta a conoscere i tuoi schemi unici.

2. Meno colpetti alle dita

Prima del mio CGM, testavo la mia glicemia almeno 8-10 volte al giorno, di più se sentivo di soffrire di ipoglicemia o iperglicemia. Con il mio CGM, mi pungo il dito solo per calibrare un nuovo sensore.

3. È conveniente

Sono spesso circondato da persone al lavoro o in viaggio, quindi poter controllare i miei numeri con un sensore è più rapido e comodo. (Può anche essere molto discreto se questa è una considerazione per te!)

4. È il mio diario del diabete

Infine, tratto i miei rapporti sui sensori come un diario del diabete. L’ho imparato tardi nel gioco, ma ora conservo una copia dei miei rapporti CGM. Mi aiuta a identificare i modelli che posso condividere al mio prossimo appuntamento endocrinologico (ne parleremo più avanti).

Non sempre sostituisce una puntura del dito

CGM è un pezzo di tecnologia. Per quanto impressionante, non è sempre accurato. Se il CGM mostra che sto scendendo, ma non lo sento, o se sento un ipo in arrivo, ma il CGM non mostra lo stesso, uso sempre un normale test con puntura del dito per confermare la mia glicemia livelli.

Come il CGM ha migliorato la mia gestione del diabete

È sicuro dire che sono diventato migliore nella gestione del diabete grazie al CGM. Ecco tre modi in cui il CGM ha cambiato la mia gestione del diabete:

Gestione del diabete più orientata ai dati

Per me, una buona gestione del diabete è un mix di molteplici piccole decisioni prese durante la giornata. Ad esempio, se ho avuto una lettura a digiuno di 200 mg/dL al mattino e fatto una dose di correzione, quando è il momento del bolo per il mio pranzo, conoscere l’andamento dei miei livelli attuali mi aiuterà a calcolare il mio bolo con precisione.

Quando ho iniziato con il mio CGM, calcolavo il rapporto tra insulina e carboidrati in base ai livelli sporadici di zucchero nel sangue rilevati durante il giorno. Dopo aver iniziato a utilizzare un CGM, ho esaminato sei settimane delle letture della glicemia e regolato il rapporto dei carboidrati in base ai dati sulla glicemia.

Individuando gli alimenti che influenzano i miei livelli di zucchero nel sangue Il mio CGM mi ha aiutato a capire quali di questi non sono buoni per i miei livelli di zucchero nel sangue,  esempio: una proteina come il paneer impiega 4-6 ore per essere digerita completamente dal mio corpo e vedo un aumento della glicemia circa 5 ore dopo aver mangiato. Quindi, finisco per dividere il bolo per gestire il picco.

La famiglia e gli amici possono monitorare i miei livelli in tempo reale

Molti dei CGM disponibili oggi non si limitano a monitorare i livelli glicemici. Ad esempio, i miei genitori, fratelli e amici intimi ora seguono i miei numeri in tempo reale.

Questa funzione è utile anche per i bambini e le persone che sperimentano i minimi notturni.

Dati CGM + i miei appuntamenti con l’endocrinologo

I miei dati CGM sono fondamentali per garantire che i miei appuntamenti endo siano fruttuosi. Il mio endocrinologo chiede a tutti i suoi pazienti di registrare i loro alimenti. Con il mio diario alimentare e i rapporti CGM in mano, discutiamo i picchi e le depressioni nei grafici e controlliamo se un pasto o un’attività potrebbe averli causati.

Con il diabete, non c’è una risposta per ogni alto o basso, ma il CGM può aiutarti a capirne il 90%.

Sto ancora raccogliendo nuovi benefici dal mio CGM

Un anno fa, sono passato da una penna per insulina all’uso di un microinfusore. L’utilizzo di myCGM con il microinfusore è fondamentale, soprattutto per il calcolo della mia dose basale.

Con l’aiuto del mio tecnico del diabete preferito, sono riuscito a portare il mio time-in-range a circa l’85% e intendo solo continuare a migliorare questo numero.

Infine, oltre agli ovvi vantaggi della gestione del diabete, i CGM rappresentano un ottimo inizio di conversazione e diffondono maggiore consapevolezza sul T1D.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: